Acqua

EVOLUZIONE DELLA REGOLAZIONE DEL SISTEMA IDRICO INTEGRATO

Riforma bonus sociale idrico per la fornitura agli utenti domestici economicamente disagiati

arera_180124putzu
64 visite

FONDO UTENZE DEBOLI

Domande di ammissione

fondo-utenze-deboli
89 visite

EMERGENZA INQUINAMENTO ACQUA POTABILE

comunicato-inquinamento-acqua
130 visite

ATI4 Umbria – AMBITO TERRITORIALE INTEGRATO

Prorogata la data di scadenza per la presentazione della domanda per la concessione del contributo sui costi del servizio idrico per le famiglie con disagio economico. Termine per la presentazione della a domanda è fino al 30 settembre 2015.

bando idrico
480 visite

“Finalmente è uscito il bando per il sostegno alle utenze deboli del servizio idrico”.

Le domande potranno essere compilate dai singoli utenti e consegnate negli uffici indicati nel bando, oppure servirsi degli sportelli delle  associazioni dei consumatori per la compilazione e la consegna. Gli interessati potranno recarsi presso i ns sportelli il martedì e il giovedì dalle ore 9,30 alle ore 12,00

Fondo di solidarietà 2015
315 visite

BOLLETTE DELL’ACQUA

Finalmente superati gli ostacoli tecnici per l’emanazione del bando sul fondo di solidarietà a favore delle famiglie a basso reddito

Bollette dell'acqua
652 visite

Acqua, cresce il sostegno alle utenze deboli

Sale a 150mila euro il contributo alle famiglie che non riescono a pagare la bolletta

Acqua....Utenze deboli_rotated
1.631 visite

CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO SUI COSTI DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Titolari di utenze domestiche residenti che versano in condizioni di disagio sociale ed economico anno 2012, a valere sui consumi del 2011

ati-manifesto-2012
557 visite

Comunicato Stampa 10/5/2013 Acqua: nel 2012 una famiglia di 4 persone ha speso 323 euro, il 7,8% in piu’ rispetto al 2011.

È stata presentata oggi l’XI Indagine nazionale a campione sulle tariffe del 2012 del servizio idrico integrato, realizzata dal C.R.E.E.F. Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione Federconsumatori, nell’ambito di un convegno tenutosi a Firenze a cui hanno partecipato: Annarita Bramerini – Assessore all’Ambiente della Reg. Toscana, Mauro D’Ascenzi – Vice Presidente Federutility, Albero Biancardi – Commissario Autorità Idrica AEEG, Mauro Zanini – Vice Presidente Federconsumatori Nazionale, Giuseppe Minigrilli – Presidente Federconsumatori Toscana. L’indagine è stata condotta e presentata dal Dott. Geraldino Castaldi del C.R.E.E.F. – Federconsumatori.

 

Dal monitoraggio effettuato nelle 103 città campione emerge che, per una famiglia di 4 persone con un consumo annuo pari a 200 m3, la spesa media ammonta nel 2012 a 323 € annui.

Ciò significa che il servizio idrico integrato costa mediamente € 1,62 per m3 di acqua misurata.

A determinare il totale dei costi in bolletta concorrono 5 diverse componenti: la quota fissa, il costo del servizio acquedottistico; il costo del servizio di fognatura, il costo del servizio di depurazione e l’IVA (pari al 10% dell’imponibile). Mediamente la quota fissa rappresenta il 7% della bolletta per un costo medio di 21,29 €; il costo del servizio acquedotto rappresenta mediamente il 53% del totale per un costo medio di 154€; il costo del servizio di fognatura è mediamente pari al 13% del totale per un importo di 37€ e la depurazione è mediamente pari al 27% del totale per un importo medio di 82€.

 

Il primato delle città più care spetta alla Toscana, con Firenze, Pistoia e Prato pari merito al 1° posto, il 2° posto spetta ad Arezzo ed il 3° a Grosseto.

Le città meno care, invece, sono Milano, Isernia, Catanzaro, Campobasso e Caserta.

La macro area con la bolletta più elevata è il centro Italia, a seguire il nord-est, il sud-isole e per ultimo il nord-ovest (come emerge dalla tabella 1 sottostante).

Dal confronto tra la bolletta 2011 e la bolletta 2012  emerge un aumento pari a 22 €, cioè il + 7,8%.

Se, invece, si allarga il confronto con la bolletta del 2000 l’aumento risulta del +61%, mentre l’aumento dell’indice dei prezzi è stato del 28%. L’aumento medio della bolletta negli ultimi 10 anni, quindi, è stato più del doppio rispetto all’aumento dell’inflazione.

All’indomani del Referendum ed a seguito del metodo tariffario transitorio deliberato dall’AEEG (del quale attendiamo di conoscere l’impatto) le politiche tariffarie nel settore idrico sono sempre più al centro dell’attenzione dei cittadini.

“La nostra Associazione, oltre al concreto e costante impegno per far rispettare quanto deciso dai cittadini attraverso il referendum, da anni rivendica che venga varata la nuova Tariffa sociale per il servizio idrico e che vi sia il più ampio confronto possibile con i rappresentanti dei cittadini sulle tariffe, sulle carte dei servizi, nonché sui regolamenti e piani di investimento.” – dichiara Mauro Zanini Vice Presidente Federconsumatori.

376 visite

Acqua: XI Indagine Nazionale sul Servizio Idrico. Nel 2012 una famiglia di 4 persone ha speso 323 euro, il 7,8% in piu’ rispetto al 2011

È stata presentata oggi l’XI Indagine nazionale a campione sulle tariffe del 2012 del servizio idrico integrato, realizzata dal C.R.E.E.F. Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione Federconsumatori, nell’ambito di un convegno tenutosi a Firenze a cui hanno partecipato: Annarita Bramerini – Assessore all’Ambiente della Reg. Toscana, Mauro D’Ascenzi – Vice Presidente Federutility, Albero Biancardi – Commissario Autorità Idrica AEEG, Mauro Zanini – Vice Presidente Federconsumatori Nazionale, Giuseppe Minigrilli – Presidente Federconsumatori Toscana. L’indagine è stata condotta e presentata dal Dott. Geraldino Castaldi del C.R.E.E.F. – Federconsumatori.

Dal monitoraggio effettuato nelle 103 città campione emerge che, per una famiglia di 4 persone con un consumo annuo pari a 200 m3, la spesa media ammonta nel 2012 a 323 € annui.

Ciò significa che il servizio idrico integrato costa mediamente € 1,62 per m3 di acqua misurata.

A determinare il totale dei costi in bolletta concorrono 5 diverse componenti: la quota fissa, il costo del servizio acquedottistico; il costo del servizio di fognatura, il costo del servizio di depurazione e l’IVA (pari al 10% dell’imponibile). Mediamente la quota fissa rappresenta il 7% della bolletta per un costo medio di 21,29 €; il costo del servizio acquedotto rappresenta mediamente il 53% del totale per un costo medio di 154€; il costo del servizio di fognatura è mediamente pari al 13% del totale per un importo di 37€ e la depurazione è mediamente pari al 27% del totale per un importo medio di 82€.

Il primato delle città più care spetta alla Toscana, con Firenze, Pistoia e Prato pari merito al 1° posto, il 2° posto spetta ad Arezzo ed il 3° a Grosseto.

Le città meno care, invece, sono Milano, Isernia, Catanzaro, Campobasso e Caserta.

La macro area con la bolletta più elevata è il centro Italia, a seguire il nord-est, il sud-isole e per ultimo il nord-ovest (come emerge dalla tabella 1 sottostante).

Dal confronto tra la bolletta 2011 e la bolletta 2012 emerge un aumento pari a 22 €, cioè il + 7,8%.

Se, invece, si allarga il confronto con la bolletta del 2000 l’aumento risulta del +61%, mentre l’aumento dell’indice dei prezzi è stato del 28%. L’aumento medio della bolletta negli ultimi 10 anni, quindi, è stato più del doppio rispetto all’aumento dell’inflazione.

All’indomani del Referendum ed a seguito del metodo tariffario transitorio deliberato dall’AEEG (del quale attendiamo di conoscere l’impatto) le politiche tariffarie nel settore idrico sono sempre più al centro dell’attenzione dei cittadini.

“La nostra Associazione, oltre al concreto e costante impegno per far rispettare quanto deciso dai cittadini attraverso il referendum, da anni rivendica che venga varata la nuova Tariffa sociale per il servizio idrico e che vi sia il più ampio confronto possibile con i rappresentanti dei cittadini sulle tariffe, sulle carte dei servizi, nonché sui regolamenti e piani di investimento.” – dichiara Mauro Zanini Vice Presidente Federconsumatori.

Indagine nazionale tariffe SII 2012_16maggio_ok(1)
527 visite

Comunicato Stampa 11/4/2013 Spot sull’Iniziativa dei Cittadini Europei per l’Acqua Pubblica in Europa con Stefano Rodotà, Lella Costa, Ascanio Celestini

Ancora qualche mese per firmare per l’ICE per l’Acqua Pubblica: l’iniziativa dei Cittadini Europei per chiedere alla Commissione Europea che le risorse idriche siano messe fuori dal mercato ed al riparo dai tentativi di privatizzazione.

In Italia mancano ancora alcune migliaia di firme per raggiungere l’obiettivo prefissato.

Un traguardo importante, per il quale la Federconsumatori ed il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua sono impegnate da tempo.

Per questo abbiamo chiesto ad alcuni amici dell’acqua pubblica di partecipare ad un spot che vuole rilanciare l’ultima fase della raccolta. Il Prof. Stefano Rodotà, Lella Costa e Ascanio Celestini ci hanno aiutati a leggere, insieme ai nostri attivisti, un breve messaggio che girerà nei prossimi giorni sui siti delle realtà che sostengono l’Ice e sui social network.

362 visite