• Contatti

    0744 496239

  • E-mail

    federconsumatori.terni@umbria.cgil.it

Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR): molteplici le promesse fatte dal MEF per il ristoro dei risparmiatori. Affinché le tutele si concretizzino attendiamo ora i decreti attuativi. L’incontro della cosiddetta “cabina di regia”, tenutosi nella giornata del 29 gennaio 2019 ha affrontato il tema dei decreti attuativi per il Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR).

Il Sottosegretario Villarosa ha illustrato ai partecipanti le linee guida su cui si dovrebbero incardinare i decreti. La trattazione si è focalizzata sull’emanazione, entro i primi giorni di febbraio, del primo decreto attuativo che prevederà l’affidamento alla CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, che gestisce i fondi dormienti delle banche), con il coordinamento del Ministero dell’Economia e delle Finanze, delle procedure di verifica e di compilazione delle richieste di indennizzo.

Entro i 45- 60 giorni successivi, così come dichiarato dal Sottosegretario, sarà pronto anche il decreto con il quale verranno valutate le numerose richieste e, probabilmente, liquidati i primi indennizzi nel limite del 30% del valore di acquisto delle azioni e fino all’importo di 100.000 Euro e nel limite del 95% del valore di acquisto delle obbligazioni. Solo quando vedremo nel dettaglio quanto elaborato nella riunione della “cabina di regia”, in attesa di poter visionare la bozza del primo decreto attuativo, sarà possibile esprimere un giudizio compiuto sull’intera vicenda e predisporre gli strumenti adeguati ad assicurare la tutela necessaria ai numerosi risparmiatori che si sono rivolti a noi nella speranza di ricevere i dovuti rimborsi.